30 MAGGIO 2014

Caro Diario,
anche ieri è stata una giornata davvero tosta.
Nonna è caduta mentre usciva da una fossa e si è un pò fratocciata.
Caro Diario non chiedermi come possa essere successo, perchè abbiamo anche provato a chiederle cosa ci facesse in una fossa, a 80 anni, ma lei ci ha risposto che ci va sempre, e che e stato solo il destino che ha voluto che oggi le andasse male…
Mamma e papà l’ hanno portata al pronto soccorso, quello nuovo nuovo, ma forse non era il giorno buono, infatti caro Diario, tutto era molto caotico.
Avevano sparato a una signora, durante una rapina, e siccome Caro Diario, qui che non si vedevano sparatorie era forse dal 1859, nessuno sapeva bene come fare e chi era meno grave come nonna doveva aspettare.
Oggi i medici dicono che nonna sta bene, non ha ossa rotte nè emorragie interne, e che la manderanno a casa tutta dolorante, lei non sembra preoccupata vorrebbe solo mentire a tutti e dire che non è proprio cascata in una fossa, magari qualcosa di un pò più discreto, da signore insomma.

foto

A casa invece Caro Diario la faccenda è sempre la stessa.
Il piede di Andrea non sembra migliorare troppo, anche se è davvero difficile valutare a che punto siamo.
Io ci provo a fargli qualche domanda per capire che tipo di dolore abbia, se migliore o magari peggiore del giorno prima, se il fastidio si dimostra sopportabile e non sopportabile, se rispetto ai giorni precedenti nota differenze, se i farmaci che prende producono miglioramenti, in quanto tempo agiscono, se gli creano disturbi collaterali, se ha preso le vitamine, se ha fatto qualche esercizio, se ha chiamato il medico, cosa gli ha detto il medico, se si fida del medico, ma niente lui non ci riesce proprio a essere esauriente.
Caro Diario, descrive sensazioni e dolori che secondo me non sono ancora stati inventati, peggio di quando a mio papà dopo la rapina in banca chiesero di descrivere la pistola usata dai rapinatori e lui convinto di essere determinante per le indagini descrisse nei minimi particolari un ferro supersonico con lancia fiamme a raggi infrarossi ma il poliziotto, anche con poco tatto, gli disse che una pistola così non l’avevano ancora costruita.
Credo proprio che la situazione ci stia sfuggendo di mano Caro Diario, forse riuscissimo a dormire un pochino di più potremmo essere almeno un attimino più lucidi.
Si perchè poi la mattina come soldati ci dobbiamo alzare all’ alba, di notti insonni, che i nostri vicini hanno deciso così.
Sul pianerottolo hanno perfino messo una targa che recita “chi dorme non piglia pesci”.
Mica lo sanno che noi si odia pescare.
Caro diario, ad ogni modo sebbene sembri tutto un pochino più complicato del solito, rimane comunque tutto sotto controllo.
Per esempio stamani, che ero quasi riuscita a partire puntuale per andare in ufficio, rischiando di arrivare in orario, quando ho fatto partire la macchina ho subito capito che qualcosa non andava, e infatti non mi sbagliavo.
Gomma completamente a terra.
Meno male, così anche stamani ho mantenuto quella mezz’oretta di ritardo che poi la gente si preoccupa.
In ufficio ero un po’ giù, sempre per la ruota che era nuova e il gommaio mi ha detto che è da buttare, e che ero triste se ne sono accorti un po’ tutti.
Allora per tirarmi su di morale mi hanno detto che vuoi sia… sicuramente per oggi hai dato, vedrai che la giornata sarà tutto in discesa.
Sarà… ma oggi che è il 30 maggio 2014 e scade il termine per presentare i bilanci in camera di commercio, abbiamo internet fuori uso.

A domani Caro Diario, che è sabato.

p.s. Caro Diario quasi mi dimenticavo, stamani qualcuno su Instagram ha postato una foto di una pagina di un giornale di Lucca, dove un ragazzo ha comprato uno spazio.
Dentro un quadrato giallo ha fatto scrivere GIULIA SCUSAMI DI TUTTO. Paolo.
Caro Diario mi ha fatto molto ridere quella foto, tanto che l’ ho fatta vedere anche a Andrea dicendogli certo sto Paolo la deve aver fatta davvero grossa, e lui sai cosa mi ha risposto?
Ma io non credo sai… E’ sempre tutto molto relativo, guarda me per esempio, un affare del genere lo dovrei fare ogni volta che spolvero male.

Share post:

  • /