E MENO MALE

che il cambio di stagione si fa solo 2 volte l’ anno.
Aprile – Ottobre.
Che pena.

Nelle case piccole la cosa importante è essere ordinati.
Scatole più grandi contengono scatole più piccole, contenitore di ogni materiale e forma rendono l’ ordine più ordinato.
Io non sono ordinata di natura, diciamo che lo sono per esigenza.
Da quando mi sono sposata, chez brugolon, funziona cosi’…
Armadio in alto gonne abiti pantaloni e camice della stagione che verrà.
Armadio basso gonne abiti pantaloni e camice della stagione in corso
Nel banco biancheria e magliette a tiro.
Nell’anta centrale le maglie della stagione in corso mentre riposti in comode scatoledi stoffa, abbarbicate sulla vetta di armadi sparsi per casa, la maglieria della stagione che verrà.
Tutto perfetto.
Tanto perfetto che persino il cambio di stagione, se eseguito nei passaggi fondamentali, potrebbe risultare indolore.
Togliere tutte le maglie e magliette dal’ armadio,
riporle sul letto,
imbustarle ordinatamente, al massimo 3 alla volta,
scendere le scatole dagli armadi,
togliere dalle buste le maglie incelofanate la stagione passata,
riporle nell’armadio,
coricare le buste appena fatte nelle scatole,
rimettere le scatole al loro posto,
farsi un caffè.

Riprendere il lavoro dopo 7/10 minuti al massimo
Togliere dall’ armadio basso tutte gli abiti
pulire l’ armadio
girocontare gli abiti della parte alta nelle parte bassa
rimettere nella parte alta quelli adagiati sul letto in precedenza.

Fatto.

Oh…uno se lavora sodo, a testa bassa in 4/5 ore fa tutto
…fa tutto… se non c’ ha il brugoli di mezzo

Brugoli, uomo bianco di razza caucasica che, in tempi ormai andati, faceva il cambio di stagione conficcando il braccio in tutta la profondità dell’armadio e aprendosi un varco dove potere appogiare la roba invernale o estiva a seconda del ciclo delle stagioni, da un paio di anni ha deciso di adottare il metodo Favale per il cambio di stagione e di voler aiutare la sua stanca mogliettina in queste virtuose gesta.

Io ho teorizzato il metodo….lui… diciamo ha buttato giù il foglietto illustrativo
Ogni maglia ha la sua busta,
rigorosamente sottovuoto.
Gli scatoloni vengono riempiti con incastri perfetti
e a secondo della cromaticità delle maglie.
Sugli armadi vengono riposti gli scatoloni, tutti esteticamente identici, secondo criteri a me, giuro, ancora ignoti.

Risultato?
Ieri sera in 3 ore abbiamo solo imbustato le maglie estive.
Da qui al mio compleanno magari ci si fa.

Share post:

  • /